LE MONTAGNE E I TERREMOTI “IN SCATOLA”

Esperimenti interattivi  – Francesca Cifelli, Francesca Funiciello, Francesco Basile e Giorgia Carlucci– dalle 20:00 alle 24:00

attività libera, giardino esterno

L’Italia è un Paese geologicamente giovane e il suo territorio è il risultato dello scontro tra due delle tante placche che costituiscono la parte superficiale del nostro Pianeta, la litosfera: la Placca Africana e la Placca Euroasiatica. Una delle conseguenze principali della ‘vitalità’ geologica dell’Italia è l’elevato rischio sismico che interessa gran parte del suo territorio. Per la frequenza dei terremoti che nella storia hanno interessato il territorio italiano e per l’intensità che alcuni di essi hanno raggiunto, l’impatto sulla società e sull’economia del Paese è di rilevanza notevole.

SismoBox

Attraverso semplici esperienze realizzate “in scatola” i ricercatori di Geologia del Dipartimento di Scienze intendono riprodurre processi geologici affascinanti, come la formazione delle catene montuose e alcuni degli effetti più spettacolari dei terremoti.

Una prima attività illustrerà in modo semplice due processi fondamentali che si verificano sulla Terra: la litogenesi e l’orogenesi. Utilizzando un modello in sabbia, si potrà visualizzare uno dei modi in cui le montagne si formano, attraverso la collisione tra due placche continentali (come nel caso delle Alpi, dell’Appennino e dell’Himalaya). Si potranno inoltre fare osservazioni su come le rocce originariamente disposte in strati orizzontali vengano sollevate (deformate) e perché oggi ritroviamo i fossili di organismi marini a migliaia di metri sopra il livello del mare.

 

Un’altra attività riprodurrà uno dei tanti fenomeni legati direttamente ai terremoti, la liquefazione dei terreni. La liquefazione è uno dei fenomeni più evidenti che possono essere innescati da un terremoto in zone i cui terreni sono costituiti da depositi sabbiosi e/o sabbioso-limosi (come ad esempio le pianure alluvionali o le aree costiere). In questi depositi, generalmente non consolidati e saturi di acqua (che è incomprimibile), lo scuotimento legato al verificarsi di un terremoto può causare il passaggio del terreno dallo stato solido a quello liquido, con gravi conseguenze in caso di presenza di fabbricati al di sopra di esso. Attraverso un semplice esperimento è possibile capire cos’è la liquefazione e al tempo stesso prendere coscienza dei problemi ad essa collegati.

 

Infine, verrà presentata la sismo-box, un kit didattico proposto nei licei scientifici OSA (con opzione scienze applicate) e ideato per familiarizzare con i terremoti. Le esperienze che possono essere realizzate attraverso l’uso del kit sono stimolanti per la conoscenza del terremoto e dei suoi effetti. In particolare, l’osservazione di alcuni fenomeni naturali riprodotti con il kit sensibilizza alla consapevolezza delle conseguenze che un terremoto può avere in relazione alla tipologia dei terreni sui quali si costruisce (geologia del sottosuolo) e alla tipologia di costruzioni edificate nelle zone maggiormente colpite dal terremoto (vulnerabilità degli edifici).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...